Istituto Pio Negrone (Restauro)

Istituto Pio Negrone restauro

Docchem partecipa al restauro e al risanamento con i prodotti (Colordoc) e con l’assistenza tecnica

Realizzato tra il 1905 e il 1907 grazie ad uno dei più grandi industriali della città di Vigevano (Pavia), l’ Istituto Pio Negrone è stato completamente ristrutturato per il 100° anniversario. Docchem, dal 2008, ha partecipato al restauro e al risanamento dell’Istituto, fornendo sia i prodotti necessari (Colordoc) che il supporto tecnico a tutta l’esecuzione dei lavori.

Docchem si è interessata della statua posta a coronamento della facciata, più precisamente della porzione intonacata; della detergenza e della successiva protezione della stessa, in cui compaiono porzioni in mattoni, in cemento decorativo e delle porzioni in ghisa.

Per quanto concerne la statua posta a coronamento della facciata è stato prima svolto un intervento di recupero delle micro fessurazioni tramite l’utilizzo del prodotto Fluorodoc concentrato coadiuvato da inerti, successivamente è stato utilizzato il prodotto Colordoc in velatura, offrendo una protezione idrooleo repellente e lasciando inalterato il supporto in quanto le caratteristiche intrinseche del Colordoc sono:

  • idrorepellenza
  • antivegetatività
  • antimacchia
  • inalterazione del colore nel tempo

Le qualità del prodotto sono avvalorate da test effettuati presso laboratori di analisi certificati. Mentre per quel che riguarda la porzione intonacata della facciata, è stata effettuata la sverniciatura della superficie tramite l’uso del prodotto Biadoc new e successivamente la protezione tramite l’applicazione del prodotto Colordoc a intonachino; invece per le parti realizzate in mattoni, i cornicioni e per le porzioni realizzate in cemento decorativo, Docchem, insieme ai restauratori e all’impresa, ha effettuato un ciclo di pulitura, tramite l’utilizzo del prodotto Pulidoc che permette di restituire al supporto il proprio aspetto originale, lasciando inalterato l’invecchiamento dovuto al tempo e successivamente una protezione tramite l’utilizzo di Fluorodoc.

Per le porzioni in cemento decorativo e le colonnine in conglomerato cementizio, si è effettuata la detergenza tramite il prodotto Travedoc DN, capace di sciogliere le patine nere formate dai depositi di materiale organico e inorganico, e la successiva neutralizzazione con Neudoc che, grazie alla sua natura chimica, non risulta aggressivo o corrosivo.

Per quel che concerne le porzioni in granito, il prodotto utilizzato è stato Pulidoc e successivamente la protezione con Protedoc, mentre per quanto riguarda lo stemma e le scritte in ghisa si è fatto uso del prodotto Fosfatante Rame per eliminare il processo di fosfatazione avvenuto e la successiva protezione tramite il Protettivo Alchidico

Condividi
Competenze

Postato il

28 Aprile 2018